Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva Estetica

Palpebre e Blefaroplastica

La lassità cutanea palpebrale si presenta generalmente dopo i quaranta anni. E’ capitato più volte di ascoltare, anche durante un  colloquio informale,  che l’interlocutore desse più importanza alle problematiche delle palpebre inferiori pensando che gli inestetismi presenti su quelle superiori fossero un problema secondario responsabile se non in minima parte dell’aspetto stanco e invecchiato di cui si lamentava.

Le problematiche che interessano queste due strutture sono molteplici e a volte differenti: nelle palpebre superiori la cute invecchiando si allunga e si avvicina alle ciglia, in quelle inferiori il problema è rappresentato dalla formazione delle “borse” che sono espressione del grasso presente all’interno dell’orbita. Nonostante questa semplificazione descrittiva in realtà le borse adipose e la cute in eccesso possono manifestarsi in  entrambe le palpebre.

Perché si pone particolare importanza a questa regione del viso?

Perché da sempre nella nostra civiltà si associa benessere, salute, stanchezza, vivacità, simpatia espressiva, intrigo, sensualità….allo sguardo. Vedersi “ stanchi nello sguardo” o sentirsi dire da chi ci è vicino “ti vedo stanco? hai dormito poco?” quando in realtà ci si sente in gran forma, risveglia in noi un amor proprio che ci spinge a voler sanare una  situazione “estetica” che non condividiamo e in cui non ci ritroviamo.   

Non possiamo negare poi che in una società dove l’ apparire riveste un ruolo importante, sia sotto il profilo dei rapporti interpersonali che su quello professionale i più attenti e sensibili al loro benessere psico-fisico si orientino verso una     possibile soluzione chirurgica. Molto spesso ripeto alle mie pazienti, le quali concordano,  che  non è necessario stravolgere il proprio aspetto ma è importante cercare di essere “in ordine”,  mantenere la propria fisionomia ed espressione e apparire curate  con uno sguardo disteso e riposato. 

Inoltre non dimentichiamo che la nostra forma fisica dipende da molti fattori come l’alimentazione, l’attività sportiva, la qualità della vita, lo stato di salute, il fumo, il sonno, per cui consiglio sempre di curare  questi aspetti che contrasteranno l’invecchiamento e qualora si ricorrerà ad una correzione chirurgica contribuiranno al miglior risultato.

La finalità della chirurgia estetica è quella di migliorare e non di trasformare; dopo un intervento di blefaroplastica superiore o inferiore o di entrambe le palpebre nel quale saranno  rimosse la cute in eccesso e le borse adipose, si tornerà ad avere la propria espressione e intensità con uno sguardo naturale e riposato.